Per le vie di Bucarest ✿ Through the streets of Bucharest

14:17



"There’s still time to change the road you’re on"
Stairway To Heaven,Led Zeppelin





Quando giungi in un posto in cui non sai cosa aspettarti, sei pronto a tutto. Anche ad affrontare il peggio. Questo non è stato certo il caso di Bucarest. Città che, nonostante il grigio imperante degli edifici, è un luogo accogliente, vivibile e a misura d'uomo. Fa sorridere come le dicerie sui vari Stati portino a stravolgere la realtà delle cose e a mostrare la natura di un posto in maniera lontana da come è realmente. Proprio durante i giorni in cui mi trovavo qua, ho letto la notizia riguardante la pubblicazione di un reportage fotografico che mostrava la malavita della periferia di Bucarest. Bellissime foto, per carità, ma siamo sicuri che quelle situazioni possano rappresentare realmente una città? Nelle strade della Capitale ho sempre percepito un senso di sicurezza che per esempio mancava in altre famose città Europee. In una per esempio, mi rubarono il telefono e quella coppia di simpaticoni (che ricordiamolo, rubò il telefono ad una ragazza col berretto rosa somigliante a Memole, insensibili!) non era l'unica ad avermi adocchiato. Qua, a Bucarest, non è mai successo che qualcuno mi guardasse con l'aria di chi percepisce in me un guadagno. Per quanto riguarda le sue periferie, beh, non le conosco, seppur io mi sia trovata ad esplorare a piedi alcune di esse, ma credo che siano simili alla periferia di qualsiasi grande città. La nostra stessa Roma risulta più caotica e per certi versi più "pericolosa" di questa città rumena, eppure continuiamo a visitarla, perché è bellissima e perché la malavita è sempre parte integrante delle aree più in ombra delle grandi città. Questo per sfatare il mito della Romania pericolosa che a mio modo di vedere, non rende giustizia a questi luoghi. I furti, i borseggiatori, esistono anche qua in Italia. Forse di più, forse di meno, ma la situazione è simile. Quindi mettere il bollino rosso a questo paese mi pare esagerato.

When you arrive in a place where you do not know what to expect, you're ready for anything. Also to face the worst. This was certainly not the case of Bucharest. City that, despite the prevailing gray colours of the building, is a cozy place, livable and humane. It's funny how rumors about various States leading to distort the reality of things and to show the nature of a place so far away from what it really is. It was during the days when I was here, I read the news on the publication of a photo reportage showing the underworld on the outskirts of Bucharest. Great photos, but we are sure that these situations can be show the real soul of a city? In the streets of the capital I have always felt a sense of security that, for example, lacked in other popular European cities. In one, for example, two guys stole my phone and that couple of funny guys (they stole the phone of a girl with pink cap resembling Memole, insensitive!) was not the only one who tried to do this. Here, in Bucharest, it has never happened that someone was looking at me with the air of one who perceives me as a gain. Regarding its suburbs, well, I do not know them very well, although I explored some of them on foot, but speaking with local people, I understood they are similar to the outskirts of any large city. Our Rome is more chaotic and in some ways, most "dangerous" of this Romanian city, and we continue to visit it because it is beautiful and because crime is always an integral part of some areas in the shadow of the big cities. This is to dispel the myth of the dangerous Romania that, in my view, does not do justice to these places. The theft, pickpockets, also exist here in Italy. Perhaps more, perhaps less, but the situation is similar. Then place the red dot in this country seems exaggerated.


Dopo questa premessa, vorrei raccontare qualcosina in più sull'atmosfera che si respira in questa città. Una forte prevalenza di grigio nelle facciate degli edifici rimanda all'austerità post-comunista che ha ancora un eco potente nell'impostazione generale. Tuttavia, mi sembra quasi che si respiri un'inizio di rinascita. I primissimi passi verso un sistema diverso e la volontà di evolversi. Strano visitare un paese che è all'esordio nel cambiamento, diviso tra un passato ancora vivo e il desiderio di migliorarsi. Parlando con persone locali si evince che una grossa fetta di popolazione è ancora esclusa da molti servizi ma allo stesso tempo, si iniziano a migliorare le piccole grandi cose. Le strade e le pavimentazioni per esempio. I bambini che a scuola iniziano ad apprendere un inglese molto più fluente di quanto molti italiani sappiano parlare. Piccole cose che danno un segno di speranza ad un paese che secondo me, ha moltissimo da raccontare.

After this introduction, I would like to tell something more about the atmosphere in this city. A high prevalence of gray in the building facades refer to the austerity post-communist who still has a powerful echo. However, it seems as though they can breathe a beginning of rebirth. The first steps towards a different system and willingness to evolve. It is trange to visit a country that is at the beggining of a change, torn between a past still alive and the desire to improve. Talking to local people shows that a large portion of the population is still excluded from many services but at the same time, the country is starting to improve the small but important things. The streets and pavements for example. The kids at school are starting to learn a more fluent English than many people can speak here in Italy. Little things that give a sign of hope to a country that I think has a lot to tell.


Partendo dalla zona universitaria ho visitato il centro di Bucarest seguendo l'istinto. Non ci sono i classici monumenti simbolo da "wow" come in altre città europee ma un bel percorso che riesce a risultare lo stesso affascinante tra antichi palazzi, chiese ortodosse e negozi moderni che si alternano ad altri molto più vintage.

Starting from the university area I visited the center of Bucharest following my instinct. There aren't the classic monuments symbol as in other European cities but a nice route that is fascinating among ancient palaces, Orthodox churches and modern shops that alternate with others more vintage.


Ho osservato un rito ortodosso che forse ho capito solo in parte. Prevedeva che su un foglio si scrivessero i nomi dei propri cari defunti per poi consegnarlo al prete in segno di preghiera.

I observed an Orthodox rite that maybe I understood only partially. It provided that on paper they wrote the names of their loved ones and then give it to the priest in prayer.


Ho visitato la cosidetta "Old Town", che seppur turistica è molto carina e ricca di scorci interessanti.

I visited the so-called "Old Town", which, although the tourist soul is very pretty and full of interesting views.


La cosa che salta subito all'occhio mentre si passeggia per le vie di Bucarest sono i tipici "fornetti" che producono street food dolce e salato al costo di pochi Lei (la moneta locale). Tante persone giovani e anziane camminano per strada o aspettano l'autobus impugnando questi cibi veloci golosi. Io ne ho assaggiato molti, sostituendo il pranzo con l'acquisto di questi snack tra una camminata e l'altra. Mi piace il fatto che dietro la commessa puoi vederne la preparazione dal vivo e anche se nessuna scritta inglese ti guiderà nell'acquisto, il fiuto ti farà scegliere sempre il meglio.

The thing that is immediately evident when you walk through the streets of Bucharest are the typical shops that produce sweet and savory street food at a cost of a few Lei (the local currency). Many people young and old walking down the street or waiting for the bus holding these fast foods delicious on their hands. I have tasted many, replacing lunch with the purchase of these snacks between a walk and another. I like the fact that behind the shop assistants you can see the preparation live and even if no English indication will guide you through the purchase, the nose will always help you to choose the best.


Bucarest vanta la presenza di vari parchi. Questo nelle foto per esempio, si trovava non lontano da casa e qua si respirava la classica atmosfera di pace che caratterizza gli spazi verdi nelle grandi città.

In Bucharest there are many parks. In these photos, for example, I show you a park not far from our home and here, we breathed the classical atmosphere of peace that characterizes the green spaces in large cities.


Visitando il centro e poi, parte della periferia mi sono imbattuta in aiuole dal sapore autunnale, fontane simpatiche come quella a forma di soffione e ho osservato lo scorrere della semplice vita quotidiana.

Visiting the center and then the suburbs I came across flower beds with a autumn style, nice fountains shaped like a flower and I watched the passing of the simple daily life.


Non volevo scrivere un elenco di posti da visitare dato che lo troverete facilmente in vari siti. Volevo invece, appuntare le mie impressioni su una città che merita sicuramente una visita e se qualcuno sarà in dubbio se partire o meno, potrò aiutarlo a capire cosa aspettarsi e dare il giusto spunto mentale per decidere.

I did not want to write a list of places to visit as you will find it easily in various sites. I however, pinning my impressions of a city that is definitely worth a visit and if someone of you will be in doubt whether to go or not, I can help you understand what to expect and give you proper mental cue to decide.

You Might Also Like

8 comments

  1. Quella focaccina mi ha messo un certo appetito *___*
    Molto bella la città, vista attraverso le tue foto... bei palazzi :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più la guardo quella focaccina e più fa venire fame anche a me :)
      Grazie Moz ^-^

      Elimina
  2. Già. La Romania ha davvero tanto da raccontare. Belle ispirazioni Valotta mia <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ihhhh...e non ho ancora parlato della meravigliosa Transilvania ^-^

      Elimina
  3. Ciao Vale *-* sempre bellissimo leggerti guardare le tue foto.
    Ho iniziato a cambiare idea sulla Romania quando poco tempo da lessi che hanno una delle reti internet più veloci d'Europa e 10 volte più potente dell'Italia.. E non mi sono emozionata all'idea di poter essere sempre connessa per un viaggio ma quanto per il fatto che connessione per me è in qualche misura sinonimo di informazione.
    Andrò in Romania a Pasqua e la mia prima tappa sarà proprio Bucarest prima di lanciarmi in un on the road della transilvania e... Non vedo l'ora *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima, sono sicura che ti piacerà :) in effetti, questa cosa della connessione Internet in ogni casa e locale fa sorridere. Ci sono molti villaggi sperduti con casette ancora vintage ma connessione internet ben presente :D e questo è sinonimo di un paese che vuole essere presente, che vuole comunicare e informarsi. Adoro i paesi che sono all'inizio della propria rinascita. Emanano una forza che in altri paesi che sono già ad un livello di sviluppo economico più avanzato, inizia a mancare per via della pigrizia, del sentirsi arrivati già ad un certo livello. Nei paesi come la Romania con gran voglia di crescere si sente proprio la spinta di chi vuole emergere e migliorare :)

      Elimina
  4. Quella signora che dà le briciole ai piccioni l'avevo trovata anche in Polonia.. ricordi? Avevi visto la foto :D
    Signore rosse ovunque! :) oppure è la stessa che sfama tutti i piccioni dell'Est Europa.. un ottimo impegno!!

    V.C.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vabbè, prima o poi andrà in pensione e c'è già qui chi vorrebbe rimpiazzarla ahahhah due al prezzo di una :D
      Ciao Viola*

      Elimina

Ogni commento è un raggio di sole.

Blog Archive

I MIEI LETTORI

VISITATORI DEL MONDO CAPOVOLTO

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *