E arrivammo a Porto ✿ Finally in Porto

20:45



“Spazio e silenzio mi pesano sul cuore con un peso solo. Un brusco amore, una grande opera, un atto decisivo, un pensiero che trasfigura, in certi momenti danno la stessa intollerabile ansia, e al tempo stesso posseggono un'attrattiva irresistibile. Deliziosa angoscia di essere, prossimità squisita di un pericolo di cui non conosciamo il nome, vivere allora è correre alla propria perdita? Di nuovo, senza tregua, corriamo alla nostra perdita.”
Albert Camus

"Space and silence encumber on my heart with a weight only. A sudden love, a great work, a decisive act, a thought that transfigures, at times give the same intolerable anxiety, and at the same time possess an irresistible attraction. Delicious anguish of being, exquisite proximity to a danger of which we don't know the name, then life is run toward its loss? Again, without respite, we run to our loss."
Albert Camus

Mi trovo a Porto, in Portogallo. Siamo arrivati qua per caso, spinti dal mare che ha deciso per noi. Abbiamo navigato in condizioni molto difficili, con onde fino a sei metri che avvolgevano il nostro catamarano senza tregua e vento forte, con raffiche superiori ai 30 nodi per la maggior parte del tempo. A volte le onde erano così alte che non si vedeva la linea dell'orizzonte e si sentiva la barca salire verso l'altro per poi precipitare vorticosamente verso il basso. Ricordo bene il suono del catamarano che sbatte sull'acqua in modo violento, l'urlo "wave" per avvertirci di tenerci bene perché stava arrivando un'onda gigante, la nausea perenne, io coricata in poppa sotto la pioggia pur di sentire un po' di aria fresca che mi aiutasse a riprendermi, io che per distrarmi dal malessere cantavo canzoni che nessuno poteva sentire dato il rumore fragoroso del mare. A volte chiudevo gli occhi e dormivo, ma sentivo il mio corpo che fluttuava di continuo, percepivo i movimenti veloci di chi cercava di tenere sotto controllo una navigazione agitata. Di tanto in tanto correvo a rimettere nel mio posto preferito, con la testa rivolta verso l'acqua scrosciante che mi schizzava il viso per aggiungere cinismo alla situazione. Poi mi trascinavo verso un divano o qualcosa che gli assomigliasse. Il morale stanco ma mai abbattuto, consapevole che dopo la tempesta, tutto sembrera' piu' semplice. Niente male come inizio. Un mare che mette in difficoltà anche i navigatori  piu' esperti. D'ora in poi, navigheremo in mari più dolci. Il peggio è passato. Non riderò mai più vedendo i video su Youtube sulle barche divorate dalle tempeste marine. O forse riderò ancora di più, avendolo vissuto. Ci sentiamo quando arrivo nel prossimo porto. 
Au revoir. 

I am in Porto, Portugal. We arrived here by accident, pushed by the sea that has decided for us. We sailed in very difficult conditions, with waves up to six meters that surrounded our catamaran relentless and strong winds, with gusts above 30 knots for most of the time. Sometimes the waves were so high that you could not see the horizon and I felt the boat going up and then plunging wildly down. I well remember the sound of the catamaran that slam violently on the water, the scream "wave" to warn us to keep us well because it was coming a giant wave, the perennial nausea. I laid down in the stern under the rain just to feel a little fresh air to help me to feel better. I was singing songs that no one could hear as the thunderous noise of the sea. Sometimes I closed my eyes and I slept, but I felt my body floating all the time, I felt the fast movements of those who sought to monitor the agitated navigation. Not a bad start. A sea that causes difficulties for even the experienced sailors. From now on, we will sail the sweeter seas. The worst is over. I do not laugh ever seeing the video on Youtube about boats in the middle of marine storms. Or maybe I will laugh even more, having lived this. I write here again when I will arrive in the next port. 
Au revoir.



You Might Also Like

4 comments

  1. Dai !!! Facciamo tutti il tifo per te!!! Non ti scoraggiare e vedrai che il mare e il viaggio ti ridara' indietro tutto quello che stai passando o meglio vomitando visto il post :)

    RispondiElimina
  2. cavoli, che avventura!dai il peggio è passato. attendiamo aggiornamenti!

    RispondiElimina

Ogni commento è un raggio di sole.

Blog Archive

I MIEI LETTORI

VISITATORI DEL MONDO CAPOVOLTO

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *