In barca a vela a Venezia ✿ Sailing in Venice

14:17



"La barca è più sicura nel porto. 
Ma non è per questo che le barche sono state costruite." 
Paulo Coelho

"The boat is safer inside the harbor. 
However, it is not the reason why the boats were built."
Paulo Coelho



Inizio subito con un veloce video di 40 secondi che racconta brevemente la nostra avventura in barca a vela.

I immediately start with a fast 40-second video that briefly tells you our sailing adventure.


Enjoy The Blue from IlMondoCapovolto on Vimeo.




Sabato scorso ho avuto la bellissima opportunità di dormire su una barca a vela che porta il nome di una stella della costellazione del Cigno, Deneb. Leggiadri come la luce delle stelle in una notte luminosa, abbiamo solcato la laguna di Venezia assieme al team di Race&Cruise, composto dallo skipper Giorgio e alla sua assistente Elisa. Sicuramente meno leggiadra di loro e molto più impedita, mi sono improvvisata assistente skipper grazie anche ai miei colorati guantini tecnici in lana, utilissimi per svolgere piccole manovre con le cime delle vele per direzionare l'imbarcazione. L'adrenalina per aver imparato queste nozioni basilari non mi ha fatto percepire nemmeno il freddo. Lo skipper farlocco che è in me era molto eccitato all'idea di aver appreso qualcosa di nuovo, dopo un'estate trascorsa per lavoro a consegnare moduli di iscrizione a regatanti professionisti e a desiderare di essere in barca con loro.

Last Saturday I had the wonderful opportunity to sleep on a sail boat that has the name of a star of the Cygnus constellation, Deneb. Graceful as the light of the stars in a peaceful night, we cut through the lagoon of Venice with the team of Race & Cruise, composed by the skipper Giorgio and his assistant Elisa. Certainly less graceful of them and much impeded, I improvised myself assistant skipper thanks to my technicians colored gloves in wool, very useful to perform small maneuvers with the ropes of the sails to steer the boat. The adrenaline to have learned these basics was so big that I did not even feel the cold. The fake skipper who is in me was very excited to have learned something new, after a summer spent for work to deliver application forms to professional racers instead my desire to be on their boat with them.


Abbiamo lasciato la silenziosa Isola di San Giorgio per dirigerci verso i punti più belli della laguna, veleggiando attraverso una leggera nebbia. Venezia, vista dal largo, ha tutto un altro sapore. Da lontano appare ancora più bella; possiamo scorgere i contorni degli edifici e il modo poetico in cui si legano l'uno all'altro dando vita ad un centro storico menzionato tra i più interessanti al mondo.
 
We left the quiet island of San Giorgio to head towards the most beautiful spots in the lagoon, sailing through a light fog. Venice, view from wide, has a completely different flavor. From a distance, it appears even more beautiful; we can see the outlines of the buildings and the poetic way in which they bind to each other, creating a historic centre mentioned among the most interesting in the world.


Il fascino del movimento ci porta a percepire tutta l'energia della laguna e l'importanza dell'acqua per Venezia. Questo elemento sfuggevole, dinamico e vitale, scorre senza sosta attraverso i canali della città, lambendo i suoi palazzi, i suoi ponticelli; s'insinua nelle sue vie a seconda delle maree e prende possesso di spazi nuovi per poi riperderli e guizzare altrove. Solchiamo la laguna guidati dal vento e dall'acqua e ammiriamo il paesaggio originale delle isole che compongono Venezia, ognuna con una propria storia, ognuna come microcosmo a sè.

The charm of the movement leads us to perceive all the energy of the lagoon and the importance of the water to Venice. This elusive, dynamic and vital element flows relentlessly through the city's canals, brushing her buildings and her bridges; water creeps in her ways depending on the tides and takes possession of new spaces and then it loses it to leaps elsewhere. We cut through the lagoon driven by the wind and the water, and we admire the original landscape of the islands of Venice, each with its own history, each as a microcosm.


Dopo una notte trascorsa in barca, siamo affezionati alla nostra Deneb. Sarà l'aver imparato a tirare lo sciacquone (mossa che secondo Pam, ricorda la preparazione del Cappuccino), sarà l'aver appreso che il caffè non era solubile e non si sarebbe sciolto nella tazza ma sarebbe rimasto una simpatica poltiglia, sarà l'aver imparato a dormire nei letti dalla parte meno claustrofobica con la testa verso la porta anziché verso il muro. Io e Manuela, avevamo tutta l'intenzione, di dormire come Tutankhamon nel sarcofago, con il rischio di sbattere la testa al soffitto di 30 centimetri al minimo movimento e con un ingresso nel letto da veri Marines che devo arrivare carponi verso l'estremità opposta. Risatone fino a notte fonda per tutta questa svampitezza.

After a night spent in the boat, we love our Deneb. Having learned to flush the toilet (Pam says that it remind the preparation of the famous Cappuccino), having learned that the coffee was not soluble and for this reason, it would not have melted in the cup remaining a nice mash, having learned to sleep in the beds from the less claustrophobic part with our head toward the door instead of toward the wall. These are the reason why we love our boat. I have to tell you that Manuela and I, we had every intention of sleeping like Tutankhamun in the sarcophagus, with the risk of banging our head on the ceiling of 30 cm at the slightest movement and with an entry into the bed as real Marines to get the final part. It was so funny!


La barca è sinonimo di condivisione. Gli spazi sono ristretti e bisogna saperli amministrare entrando in sintonia con gli altri componenti del gruppo. Si sta seduti vicini e si collabora l'uno con l'altro, per esempio durante la preparazione dei pasti, come è successo a noi durante la colazione. Alcuni sono più attivi nelle operazioni pratiche, altri si limitano a sorridere da seduti per diffondere gioia. Anche questo è un compito da svolgere.
 
The boat is synonymous of sharing. The spaces are narrow and you must know how to manage them getting in tune with others members group. We sit near and we collaborate with each other, for example during the preparation of the meals, as happened to us during breakfast. Some are more active in practical operations, others only smile while sitting to spread joy. This is also a task.


Il nostro giro in barca si conclude con le foto di rito in stile concorrenti di Miss Italia in attesa del "Per te Miss Italia finisce..." e con un ottimo pranzo presso il Polo Nautico Vento di Venezia, situato sull'Isola della Certosa. Questo luogo immerso nella pace e silenzio della laguna è ideale per una passeggiata domenicale. A poca distanza da Piazza San Marco, quest'isola rappresenta una sorta di fuga nella natura in quanto l'ambiente naturale occupa circa i due terzi del territorio. Attualmente vi è un progetto in corso per riqualificare i suoi spazi e renderla un grande parco accessibile al pubblico e privo di barriere architettoniche.

Our boat tour ends with the usual photo with the same style of the models who take part in a beauty competition as Miss Italy and with an excellent lunch at the Polo Nautico Vento di Venezia, located on Island of the Certosa . This place surrounded by the peace and the silence of the lagoon is ideal for a Sunday walk. From a short distance from Piazza San Marco, this island is a kind of escape into nature as the natural environment occupies about two-thirds of the territory. Currently there is an ongoing project to redevelop its space and make it a great park open to the public and free of architectural barriers.


Quest'esperienza mi è piaciuta moltissimo. Amo il mare, l'aria salmastra, la brezza fresca. Anche io vivo in un'isola e so come ci si sente circondati costantemente dall'acqua. Questo elemento scorre attorno a te e si ripercuote anche all'interno di te stessa. Si diventa sfuggevoli, dinamici e allo stesso tempo s'impara a lambire i confini degli altri con la stessa fugacità, delicatezza e vitalità dell'acqua. Si vive rispettando le maree, la calma piatta e le onde impetuose. Si abbracciano le persone in un turbinio fuggevole, amorevole, spumeggiante e frizzante.
 
Grazie a Bluewago, a Race&Cruise e a Vento di Venezia per averci permesso di vivere quest'allegra avventura, occasione unica per creare legami indissolubili tra di noi e con il meraviglioso ambiente circostante. 


Uno speciale ringraziamento a Magalli!

I loved this experience. I love the sea, the salt air, the cool breeze. I live in an island and I know how you feel constantly surrounded by water. This element flows around you and inside of yourself. You becomes elusive, dynamic and at the same time you learn to lap the boundaries of others with the same transience, delicacy and vitality of water. You live respecting the tides, the calm and the crashing waves. You hug people in a flurry, lovely, bubbly and sparkling whirlwind.

Thank to Bluewago, Race&Cruise and Vento di Venezia for allowing us to live this cheerful adventure, a unique opportunity to create indissoluble bonds among us and the the wonderful surroundings.



"Anche noi, come l'acqua che scorre, siamo viandanti in cerca di un mare."
Juan Baladán Gadea

"Like flowing water, we are wanderers in search of a sea."
Juan baladan Gadea

You Might Also Like

31 comments

  1. Che belle foto! Si vede Venezia da una prospettiva tutta nuova. Purtroppo quando ho visitato la Serenissima non sono riuscita a fare un giro nella laguna, ma mi sono ripromessa di tornare e apprezzare questo aspetto della città. :) Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ilaria, Venezia è bellissima girata in ogni modo, a piedi, in vaporetto, in gondola e in barca.
      Sicuramente vista dalla laguna appare ancora più affascinante perché capisci meglio quanto sia un territorio caratterizzato dall'acqua e vedi tanti begli scorci :) bellissima esperienza quella in barca :) te la consiglio!
      Un abbraccio :)

      Elimina
  2. Un post diverso dal solito e forse per questo, in un certo senso, più "interessante". Mi ha divertito leggere un post non su un luogo "terreno" (sia una città, isola, montagne ecc ... ci siamo capiti dai) ma di un luogo.. mm chiamiamolo alternativo. Infatti non solo le varie isole di Venezia hanno un microcosmo a se (come hai scritto) ma sei riuscita a far vedere che anche la barca/yatch/ecc ha un proprio micocosmo con regole sue, con spazi completamente diversi a quelli a cui siamo abituati e dal fatto che sia una casa mobile da cui vedere la vita sulla terra ferma da un punto di vista diverso. Molto brava.. ..ora ci vorrebbe una esperienza in camper per vedere anche l'altra facciata :D.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siii, evviva il camper ^^
      La barca è stata fighissima; per me poi che sono molto acquatica, vorrei tornarci. E' davvero bello il rapporto che si crea con l'ambiente perché quei quindici metri di barca diventano la tua casa, il tuo rifugio e ti danno la possibilità di muoverti verso paesaggi sempre diversi. E poi si crea una bella sintonia con le persone con cui viaggi. In tanti a condividere un "piccolo" spazio collaborando e dividendosi gli spazi ^^ lo rifarei subito :)

      Elimina
  3. Una bellissima avventura, un'esperienza che vorrei fare anche io!
    Certo, magari d'estate, con colori più brillanti e meno grigi, ma credo -vedendo le tue foto- che anche in inverno ci siano viste meravigliose.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è vero. Ho pensato anche io che vorrei rifare un'esperienza simile in primavera, col cielo azzurro, il verde degli isolotti e tanta luce :)
      Io ho apprezzato anche la nebbia e il tempo grigio perché effettivamente la nebbia è un elemento abbastanza raro in Sardegna, quindi riesco addirittura ad apprezzarla e ad amare la malinconia che da alle foto :)

      Ciao Moz (che bello, sei di nuovo attivo :D)

      Elimina
  4. Ciao,
    belíssimas e inspiradoras imagens. Um sonho de aventura.
    Tenha uma ótima semana.

    RispondiElimina
  5. Ci è sempre piaciuta l'idea di poter "vivere" su una barca a vela, da sempre simbolo di libertà, quindi immaginiamo l'emozione di questa bellissima esperienza!! E poi si scopre, anche dalle foto, una Venezia più insolita..
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Libertà è proprio una parola che mi viene spontaneo associare alla barca a vela. Piedi nudi quando c'è caldo, vento tra i capelli, il suono del mare e il movimento leggero ^^ E' bello scoprire luoghi nuovi così ^^
      Un abbraccio a voi :)

      Elimina
  6. E' proprio figa quella con i capelli rossi.
    Bisognerebbe presentarla a Magalli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahaha mi fai morire!!! prossimo appuntamento: #enjoyMagalli!

      Elimina
    2. ahahhahahhahahahhahah Se Magalli venisse ad un nostro incontro, si pentirebbe di essersi presentato. Ore di foto, di ragazze che vogliono attirare la sua attenzione e cercano di accarezzarlo. Povera creatura! ahahhah
      #enjoyyourMagalli #Magalliindabloggerclub

      Elimina
  7. Riconosco tutto, dall'emozione per lo sciacquone agli stratagemmi per dormire comode e ossigenate!! :D
    Di solito in barca faccio la parte di quella che cucina e lava i piatti, le manovre da skipper le lascio agli esperti, ma il tempo trascorso in mare è quasi sempre stato decisamente piacevole. Si impara molto sulla condivisione in uno spazio così stretto, si crea una bella empatia col resto del gruppo (se le cose vanno bene, s'intende!).
    Se l'Orso venisse a sapere di questo post un post in cui dichiari amore alla vela!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :D Ho scoperto questo mondo quest'estate, lavorandoci a contatto. Ma vedevo sempre le cose da fuori perché lavoravo in una segreteria. Desideravo tanto salire in barca con i regatanti *-* e ora finalmente, sono riuscita a realizzare il mio sogno e ti devo dire che mi piace moltissimo e che vorrei rifarlo appena possibile *-*
      Grazie mille per il tuo commento, io sono più per le manovre da skipper, anche se non lo so fare :D ma amo il contatto diretto con la barca e il mare ^^

      Elimina
  8. Vale complimenti di nuovo per il video! J'adore!
    E poi per le foto, belle come sempre. Per avermi fatto rivivere la meraviglia di quei due giorni passati assieme, le risate nel sarcofago, il nostro mondo capovolto - permettimi di entrarci per un attimo :D - e la sensazione di conoscerti da sempre.
    Ti abbraccio, A prestissimooo <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Permettimi di entrarci un attimo" ahahhah come siluri capovolti? Oramai è una frase cult. La leggo ovunque!
      Il vero hashtag siamo noi #siluriinviaggioupsidedown ^^
      A prestissimo :***

      Elimina
  9. Splendide immagini di una Venezia affascinante, che prende, che emoziona!
    Un abbraccio da Beatris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Beatris, gentilissima :)
      Un abbraccio ^^

      Elimina
  10. Che meraviglia, deve essere stata un'esperienza unica, anche io amo il mare. Ciao Valentina, piacere mio di conoscerti, io sono di Cagliari :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima :) benvenuta! Siamo agli antipodi ^^
      Si, è stata una bellissima esperienza :)

      Elimina
  11. Ahaha che forte il tuo racconto! Che bei ricordi! E che belle foto!!! Un abbraccio <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Pam, se ci ripenso..che ridere!!!! ahhah :D un abbraccio fin lassù ^^

      Elimina
  12. Risposte
    1. Un pochino ^^ ma io ero troppo contenta per sentirlo, eh eh :)

      Elimina
  13. vi ho seguite davvero con tanta gioia. Siete state fantastiche e deve essere stata davvero una super esperienza!
    Belle e brave <3
    (Vale, che foto wow!)

    RispondiElimina

Ogni commento è un raggio di sole.

Blog Archive

I MIEI LETTORI

VISITATORI DEL MONDO CAPOVOLTO

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *