Riga, Lettonia ✿ Riga, Latvia

14:21



"Non c’è viaggio senza che si attraversino frontiere – politiche, linguistiche, sociali, culturali, psicologiche, anche quelle invisibili che separano un quartiere da un altro nella stessa città, quelle tra le persone, quelle tortuose che nei nostri inferi sbarrano la strada a noi stessi. Oltrepassare frontiere; anche amarle – in quanto definiscono una realtà, un’individualità, le danno forma, salvandola così dall’indistinto. [...] Viaggiare non vuol dire soltanto andare dall’altra parte della frontiera, ma anche scoprire di essere sempre pure dall’altra parte."
Claudio Magris

"There is no journey without we cross borders - political, linguistic, social, cultural, psychological, even the invisible ones that separate one area from another in the same city, among those people, those twisting that in our hells bar the way to ourselves. Crossing borders, even love them - as they define a reality, individuality, the shape, thus saving it from indistinct. [...] Traveling is not just go across the border, but also discover to always be on the other side as well. "
Claudio Magris





Viaggiare attraverso i Paesi Baltici (Lettonia, Estonia e Lituania) e vivere in uno di essi (Estonia), mi ha portato a conoscere l'interessante storia di questi stati letteralmente confinati nel Nord-Est dell'Europa. Piccoli mondi a sè che lungamente hanno lottato per la propria indipendenza dall'Unione Sovietica. Hanno combattuto quelle cosidette "guerre secondarie", ovvero quelle battaglie che avvengono ancora oggi in molti stati per preservare la propria identità e che ci sembrano tanto lontane perchè non ci riguardano. La Lettonia ha ottenuto definitivamente la propria indipendenza nel 1991. “Dievs, svētī Latviju!” (Dio, benedici la Lettonia!) recita così il loro inno. Questo popolo ha dovuto lavorare sodo per far crescere la propria economia in seguito al distacco dalla Russia. Si sa bene che l'Indipendenza è una forma di libertà che si onora giorno per giorno danno il meglio per la crescita autonoma del proprio paese e per cui bisogna compiere molti sacrifici.

Travelling through the Baltics (Latvia, Estonia and Lithuania) and live in one of them (Estonia), led me to learn about the interesting history of these literally confined States in the North-East of Europe. Small worlds that long fought for their independence from the Soviet Union. They fought the so-called "secondary wars", those battles that are still happening today in many states to preserve their identity and that seem so far away because it does not concern us. Latvia has finally achieved its independence in 1991 "Dievs, Sveti Latviju" (God Bless Latvia!): these are the words of the anthem. These people have to work hard to grow their economy as a result of separation from Russia. It is well known that Independence is a form of freedom that is honored every day giving their best for the autonomous growth of their country and it needs many sacrifices.


La capitale della Lettonia è la bellissima Riga. Un posto indimenticabile è senza dubbio, la centrale Piazza del Municipio, con la Casa delle Teste Nere (prese il nome dalla Confraternita di mercanti lettoni che si chiamava per l'appunto così e che utilizza l'edificio come propria sede) e la chiesa gotica di San Pietro.

The capital of Latvia is the beautiful Riga. An unforgettable place is without a doubt, the central Town Hall Square, with the House of the Blackheads (named after the Brotherhood of merchants Latvians who was called precisely so and that uses' building as their headquarters) and the Gothic church of San Pietro.





Le vie della città inoltre, ospitano bellissimi palazzi d'epoca e in particolare, molti edifici Art Noveau (nelle foto potete vedere molte costruzioni che appartengono a questo genere architettonico). Per questo, dal 1997, il centro storico di Riga è stato inserito dall'UNESCO nell'elenco dei patrimoni dell'Umanità. Per le vie del centro si possono trovare molti locali caratteristici dove mangiare e bere ed inoltre, ci sono molti ostelli a basso prezzo (di livello estetico molto alto).


The streets of the city also hold to beautiful old buildings, and in particular, many Art Nouveau buildings (in the photo you can see many buildings that belong to this architectural style). For this reason, since 1997, the historic center of Riga has been added to the UNESCO list of heritage Site. In the streets of the center you can find many characteristic places to eat and drink and also there are many hostels cheap (very high aesthetic level).



Ho potuto fare un giro anche al mercato locale e l'ho trovato molto colorato e caratteristico. Inoltre, in città ci sono delle aree verdi ben curate come quelle che si affacciano sul fiume Daugava, che attraversa la città e in cui si può godere di un po' relax.


I was able to have a walk in the local market and I have found it very colorful and quaint. Furthermore, in the city there are very nice gree areas as the ones facing the Daugava River, which crosses the city and where you can relax yourself.



Questa città ha un enorme patrimonio culturale e architettonico, spesso sottovalutato data la lontananza dai principali paesi Europei. Provate a dare un'occhiata al sito di Expedia per trovare buone offerte per raggiungere la Lettonia e scoprire le bellezze di questa affascinante Repubblica Baltica.

This city has a great cultural and architectural heritage, often underestimated given to the distance from the main European countries. Try to take a look at the Expedia website to find good flights to reach Latvia and discover the beauty of this fascinating Baltic Republic.



You Might Also Like

12 comments

  1. Non ho mai visitato l' Est Europa e i paesi del Nord-Est mi hanno sempre incuriosito. Leggere i tuoi post su quei luoghi aumenta non poco la mia curiosità di visitarli e prima o poi troverò il tempo e le persone per farlo, nel mentre me li godo in via del tutto digitale guardando le tue foto e imparando qualcosa su loro leggendo i tuoi post :).

    RispondiElimina
  2. è da tempo che ho voglia di visitare questa parte dell'Europa che mi manca. Lettonia, Estonia, Lituania.
    Devono avere un fascino incredibile.
    Tu come sempre sei bravissima :)

    RispondiElimina
  3. Che meraviglia! I Paesi Baltici mi affascinano molto :)
    Un bacione, a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho dei bellissimi ricordi :)
      Vale

      Elimina
  4. Amando il Nord Europa non posso non desiderare di visitare anche i Paesi Baltici e le loro capitali. Riga però arriva terza rispetto a Vilnius e Tallinn, devo ammetterlo :P adooooro le foto del mercato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tallinn è la città del mio cuor :)
      Io vorrei andare a Vilnius :D
      Valentina

      Elimina
  5. Bei ricordi.... Un abbraccio e buona vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Erika :)
      Valentina

      Elimina

Ogni commento è un raggio di sole.

Blog Archive

I MIEI LETTORI

VISITATORI DEL MONDO CAPOVOLTO

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *