Travel inside yourself

15:46

Durante la vita non viaggiamo solo fisicamente ma anche interiormente.
Questo blog è nato per narrare questi due diversi percorsi strettamente correlati tra loro.
Un viaggio non è solo ciò che osserviamo ma anche come lo osserviamo, il modo in cui ci rapportiamo all'oggetto dell'osservazione. 
La comunicazione di oggi a volte è talmente frettolosa che non si ha neanche il tempo di metabolizzare ciò che si è vissuto. Ogni luogo, persona, festa, tradizione è alla portata di tutti, ma solo superficialmente. Il vero valore nel viaggio non sta nelle foto o parole pronunciate d'impeto ma nell'elaborazione di ciò che abbiamo vissuto.

During life you don’t travel only physically but also inside yourself. This blog has been created to talk about these two different intertwined paths. A journey is not only what you see but also how you look, the way you relate to the object of observation. Today's Communication is sometimes so rushed that you do not even have time to digest what has been experienced. Every place, person, celebration, tradition is on everyone’s way, but only superficially. The real value of a journey is not in the pictures or words spoken on impulse, but the elaboration of what we experienced.

Ciò che vedi dipende da ciò che stai cercando


Così a volte io scrivo di paesi che ho visto anni prima e senza fare minimamente accenno alle caratteristiche fisiche del luogo, mi limito a raccontare le sensazioni che ho provato e gli insegnamenti appresi. Questo a mio parere è l'aspetto più importante. Posso trovarmi in mezzo ad un semplice campo dietro casa e può succedere che il colore dell'erba mi rimandi ad un colore visto e ammirato in chissà quale luogo lontano; il vento tra i capelli mi può ricordare di quella volta in Estonia in cui il primo vento caldo dopo mesi d'inverno mi accarezzò il viso o di quella brezza tiepida di fine giornata in Africa. Ogni viaggio è un mondo a sé perché ognuno di noi è un mondo a sé; ogni luogo ci da le risposte che cerchiamo e le sensazioni che desideriamo provare.

For this reason sometimes I write about the countries I visited years before and without mentioning the physical characteristics of the place, I only tell how I felt there and the lessons I have learned. This, in my opinion, is the most important aspect. I can find myself in the middle of a simple field near my house and it can easily happen that the color of the grass reminds me  the color of some place in the middle of nowhere that I admired long time before; or the wind in my hair can remind me of that time in Estonia where the first warm winter wind caressed my face after many cold months or the warm breeze at the end of a certain day in Africa. Every trip is a world because each of us is a world and every place gives us the answers we are looking for and the feeling that we want to live.


 Io credo che ognuno debba portare avanti la sua propria idea di viaggio a seconda della propria personalità senza svalutare le proprie esperienze in nome dell'idea comune. Capiterà di pensare che il vostro viaggio sia privo di importanza se non vi ha condotto dove credevate, ma di sicuro gli eventi che avete vissuto vi faranno compagnia nei momenti di noia e vi faranno sentire parte di un percorso non ancora completato che aspetta solo il prossimo passo per potersi evolvere.
Luoghi e persone continuano a viaggiare dentro di noi anche quando siamo lontani da essi e indirizzano il nostro percorso verso determinate mete. L'attesa in loro compagnia è meno faticosa, allevia l'impazienza e ci guida alla ricerca d nuovi cammini. 


I believe that we should pursue our own idea of ​​ trip following the rules of our personality without devaluing our own experiences in the name of the common idea. It happen to think that our trip is unimportant if it hasn’t brought us where we desired, but surely these events of the past will accompany our life in moments of boredom and they make us feel part of a process not completed yet and just waiting for the next step to evolve. Places and people continue to travel within us even when we are away from them, and guide our path towards certain goals. The wait in their company is less tiring, and alleviates impatience leading us in search of new paths.



Ringrazio i miei lettori per i gentili commenti del post precedente, ringrazio quelli che mi scrivono in privato e tutti coloro che mi leggono quotidianamente senza commentare. In particolare, voi ultimi, non abbiate timore di lasciare un segno della vostra presenza. I commenti sono aperti a tutti, anche agli anonimi, proprio per creare uno spazio di comunicazione. Ogni idea, opinione, critica costruttiva, saluto è sempre ben accetta. Quindi non siate timidi; non vedo l'ora di conoscere qualcosa su di voi!
Buon lunedì!!!


I thank my readers for the kind comments of the previous post, I thank those who write to me in private and all those who read me every day without commenting. In particular, my silent followers do not be afraid to leave a sign of your presence. Comments are open to everyone, even those anonymous, just to create a space for communication. Every idea, opinion, constructive criticism, greeting is always welcome. So, don’t be shy! I would like to know something about you!

Happy Monday!!!


You Might Also Like

27 comments

  1. posso cantarti "the road" di Jackson Brown? :-)

    RispondiElimina
  2. Bellissimo post, grandi emozioni! :)

    RispondiElimina
  3. beh, è bello scoprire che qualcuno ha il uo stesso concetto di viaggio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) siamo in tanti, fortunatamente :)

      Elimina
  4. La penso come te. Forse l'hai capito anche tu dalle parole che scrivo :) Ciao Rose, buon lunedì a te!

    RispondiElimina
  5. Brava Valentina! Bellissimo :-)Merike

    RispondiElimina
  6. La saggezza non è solo dei vecchi. La sensibilità non è solo nel pianto. La bellezza non si nasconde solo dentro a una giunchiglia.
    "Ciò che vedi dipende da ciò che stai cercando" ... verità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei fantastica :) bellissimo commento :)

      Elimina
  7. Ho letto il tuo post annuendo. Mi trovi d'accordissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) sono contenta che qualcuno condivida!! :)

      Elimina
  8. Parole verissime e quindi condivisibilissime. Io e te siamo quasi sempre sulla stessa lunghezza d'onda! :)

    RispondiElimina
  9. Concordo con tutto ciò che scrivi. E stamane mi sono svegliata con la voglia di buttare giù un nuovo racconto, che proprio a queste sensazioni relative al viaggio fa riferimento... Insomma, complice pure la visione nuovamente di Tony Gatlif. E poi ti consiglio un libro che a me piace da morire: "Il sapore del mondo", di David Le Breton. Prendilo in biblioteca (altrimenti è carissimo!), e lasciati trasportare dalle sue parole. Quando vedo le tue foto e leggo le tue sensazioni, sembra di immergersi in ciò che lui ha rielaborato appunto in un saggio antropologico.
    Buona giornata, cara! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del consiglio :D mi sn riscoperta semi-antropologa senza saperlo :D Non è male di primo mattino :) Ora cerco il libro in biblioteca :D
      Buona giornata :)

      Elimina
  10. Condivido in pieno la tua idea di viaggio,per me è anche riscoprirmi in un contesto diverso che sappia riflettere ciò che sono in maniera diversa, mi piace conoscere e scoprire tutto ciò che può farmi evolvere come persona...A presto cara Mel! Ciao, Barbara

    RispondiElimina
  11. Ciao, sono passata per salutarti e vedere le tue belle foto e storie.
    baci, baci.

    RispondiElimina
  12. Anch'io condivido. Cara Valentina ti auguro una Serena Pasqua.
    Un abbraccio.
    Erika

    RispondiElimina
  13. E mi sembrava di sentire il vento, anche se fuori piove..E mi sembrava di sentire il frusciare dell'erba anche se qui c'è solo rumore di tastiera..Mentre leggevo ero in un'altra dimensione, in un altro luogo..pochi istanti estemporanei di cui non smetterò mai di ringraziarti. Brava!! Se passi da me, ti ho nominata ;) Buona continuazione di settimana!! http://udinelamiacittaenonnapina.blogspot.it/2012/04/cogliere-i-piccoli-piaceri-della-vita.html

    RispondiElimina
  14. Trovo incredibilmente confortante vedere che ci sono ancora persone come te disposte a fermarsi, riflettere, rivivere le emozioni. Grazie per essere sempre pronta a condividere i tuoi pensieri, le immagini che crei! Inutile dire quanto mi trovi d'accordo sulla tua visione del viaggio... :) A presto!

    RispondiElimina
  15. Valentina, these were some wonderful words; thank you so much for sharing. And it is entirely true, what you said; there are small, simple things, any small things, really, that can remind us of a past experience, a former place, an old memory. It is both comforting and heartbreaking, and it does make us happy. It is a life of experience--we explore, travel, photograph, enjoy. Later, we remember those times and compare how the present is similar (or even different) to what we are experiencing now. It is such a wonderful feeling.

    On a different note, I am so glad that you write this blog in both Italian and English. Since I graduated college (about a year ago, now), I have not been using the language as much. Having both sets of words to read is helping me remember the language, and learn new words. Thank you so very much. Someday, I hope, I will answer you in your language.

    RispondiElimina
  16. condivido la tua filosofia.
    il viaggio non è qualcosa di accademico e semplicemente istruttivo ma un'esperienza sensoriale che ci arricchisce e ci fa crescere e diventare più forti e veri.
    un bacione carissima!

    RispondiElimina

Ogni commento è un raggio di sole.

Blog Archive

I MIEI LETTORI

VISITATORI DEL MONDO CAPOVOLTO

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *