Diari di viaggio / Travel books

20:44

Ogni volta che parto per un nuovo viaggio porto con me un diario in cui scrivere tutto quello che mi passa per la testa durante la mia permanenza lontano da casa. Ogni tanto sfoglio i vecchi diari di viaggio e mi tuffo nei ricordi passati. Ovviamente sono pieni zeppi di racconti, citazioni famose e non, episodi divertenti, biglietti di viaggio e tutto ciò che decido di attaccarci sopra. 


Every time I leave for a new trip, I bring with me a diary where I write down all the things that cross my mind. Now and then I flip my old  travel book and I dive into my memories. Clearly they are full of stories, famous (and not) quotes, tickets and I stick on them all I find around.

"La gioia non è nelle cose ma in noi"

"It takes a while and all changes its meaning"


Diario India 2007
Diary India 2007

Ecco alcuni stralci del diario indiano in cui racconto la visita alle varie scuole, comunità, ospedali e orfanotrofi.

"...Prima di ripartire, le ragazze della scuola non facevano altro che ripetere -Valentina, resta qua! Non andare via se no piangiamo!"-

"...oggi durante il viaggio mi sono fermata a fotografare un lago e ad un tratto ho visto che dall' altra sponda un intero villaggio mi salutava e si sbracciava per farsi notare! Fantastico!"

"Oggi abbiamo giocato tutto il giorno con dei bambini malati di Aids! Erano cosi' energici, correvano qua e la, ballavano, ridevano e quando ho saputo che la loro malattia li porterà via presto sono rimasta malissimo! Questi bambini per tutto il pomeriggio mi hanno chiesto di farli volare, prendendoli in braccio e volteggiando veloce su me stessa! Quanta allegria!"

"Ieri il vaccino anti-malaria mi ha fatto male e ho vomitato per ore ed ore, fino a non avere più la forza di rialzarmi. Ma oggi c'è la gita a Bombay e quindi mi sento già in ottima forma! Non vedo l'ora di fare shopping: orecchini, foulard, collane, statuette di Ganesh, sto arrivando!!!"

"Oggi si  torna a casa. Lasciamo un pezzo di cuore a tutte le persone che ci hanno insegnato ad abbattere i muri e superare le barriere che la vita ci presenta. Ci hanno insegnato ad affrontare la vita con un sorriso. Lasciamo persone che nella loro povertà materiale sono ricche nel cuore e nello spirito, persone che affrontano tutto con ottimismo, nonostante vivano situazioni drammatiche! Questa gente è generosa ed altruista: loro ti donano  sempre il meglio e spesso si sacrificano per offrirtelo, ma sempre con gioia! Non ti negano mai il saluto o un sorriso!  Lasciamo gente povera, malata, sofferente; ma quello che ti colpisce è il loro approccio verso la vita!   A volte quando noi stiamo male diventiamo scontrosi con il mondo che ci circonda; loro no, soffrono interiormente, ma fuori mostrano solo il loro lato gentile e gioioso...!"


Here, some excerpts of my indian diary where I tell about my visits to schools, communities, hospitals and orphanages.

"...After leaving again, the girls of the school continued to repeat - Valentina, stay here! Valentina don't go away! We cry!"-

Today during my trip, I stopped to photograph a lake and all at once I saw an entire village who was waving their arms to say hello to me! Fantastic!”

“Today we spent all the day playing with some children who have Aids! They were so energetic, they run here and there, they danced and smiled and when I discovered that their disease will cart them away  I was hurt! These children have been asked me to fly all the afternoon , holding them in my arms and twirling rapidly on my spot! What a happiness!”

“Today, we are going to back home. We drop our heart off to all the people who taught to tear the walls down and get over the barriers the life lays before us. They taught us to face life with a smile. We drop off people who are rich in their soul and optimistic, although they live dramatic situations! These people is generous and altruist: they give you all the best and often they sacrifice themselves for this but always with joy! We drop off poor people, sick and suffering; however, what stuns you is their attitude towards life!Sometimes, when we hurt, we become ornery toward the world that surrounds us; on the other hand, they suffer inside themselves, but outside they are kind and joyful…!”

Diario Spagna 2008
Diary Spain 2008

"Oggi sono stata cazziata in stazione  perché il mio trolley si è incastrato nel passaggio per uscire dalla metropolitana! A me faceva ridere il mio trolley grasso compresso tra le vetrate scorrevoli; il controllore invece si stava divertendo meno! Ma non riuscivo a smettere di ridere mentre cercava di liberarlo!auhuhauhauha!"

"E anche questa volta, sono riuscita fare le cose alla carlona. Abbiamo perso  l' autobus e ci è toccato dormire in stazione all' aperto e tra i barboni! Uno di quelli era molestissimo e voleva il mio trolley rosso perché era  un  comunista sfegatato ed inoltre mi chiese se fossi la nipote di Che Guevara!"


“Today I was scolded because my trolley got jammed in the passage to go out from the station! I was laughing because my fat trolley was pressed between sliding glass doors; on the contrary the controller didn’t have fun at all! However, I couldn’t stop to laugh while he was trying to clear it!”.

 “..and this time too, I manage to organize my travel in a slapdash way. We lost our bus and we had to sleep in the station, on the open air  and among the tramps! One of them was annoying and he desired my red trolley because he was communist and then, he asked me if I was the niece of Che Guevara!”

That day I saw a hairy spider on my mosquito net! Horrifying!
The day after, I saw a snake!!!
  
Diario Africa 2009
Diario Africa 2009

"Eccomi qua! In uno dei posti più dimenticati da Dio! Sei lunghe ore di viaggio in macchina, di cui due ore attraverso strade sterrate in mezzo al nulla! Questo posto si raggiunge solo col fuoristrada, percorrendo sentieri disastrati in mezzo alla savana! Passiamo in mezzo a villaggi dove tutti ci salutano ed arriviamo nella Riserva di Mwabvi!"

"Sveglia alle 5! Stanotte è stato meraviglioso sentire i rumori della savana e sapere che qualsiasi animale selvaggio poteva trovarsi la fuori, aldilà della tenda dove dormivo! Per esempio, un ippopotamo è inciampato nella tenda e abbiamo sentito le iene che passavano a pochi metri da noi con la loro risata malefica!"


“Here I am!In one of the place forgotten by God! Six long hours of travel by car and two of them through dirt roads in the middle of nothing! This place can be reached only with off-road vehicles! We pass trough villages where all the people say hello to us and then, we arrive in the Reserve of Mwabvi!”

“Wake up at 5! Tonight was fantastic because we could hear the noises of the nature and we knew that any wild animals could be outside, beyond out tents! For example, a hippo fall on our tent and the hyenas passed not far from us with their evil laugh!”

Estonian chocolate

Surprise in the food

Events

"Quella ragazza è così ubriaca che sembra ballare una musica che sente solo nella sua testa!  Secondo me tra poco precipita nella neve!"  e così fu.

“That girl is so drunk that she’s dancing on a melody she’s the only who can hear it! I think that she’s going to fall in the snow!” and so it was.


You Might Also Like

21 comments

  1. Alla fine del post mi dispiace che sia finito, e mi viene da dire, come quelle ragazze della scuola: "Non andare via, se no piango" :)
    Mi piacerebbe trovare un tuo diario di viaggio smarrito e riportartelo, per avere come ricompensa non "la gloria" ma almeno un bacino...
    Ciao!! :D

    RispondiElimina
  2. Ciao Vale!la tua camera assomiglia moltissimo alla mia vecchia, che ho a casa dei miei:tutte le pareti ricoperte di cartoline, fotografie, ritagli :-) bellissimo!
    E che bello anche poter dare un'occhiata ai tuoi diari di viaggio, io di solito non ho pazienza di scrivere durante i viaggi (almeno non tutti i giorni) ma tendo ad accumulare tutto dai vari biglietti di aerei, treni o autobus a indirizzi, scontrini, carte di cibo etc e una volta tornata a casa metto utto in delle grosse buste o scatole e ci scrivo sopra il nome del paese o della città visitata.
    Sai in questi giorni sto pensando molto all'India, vorrei partire, l'anno prossimo vorrei andarci qualche mese con mio marito, ma bisogna vedere se lui riesce ad avere l'aspettativa al lavoro..insomma tutto da vedre..ma io ci sogno e vedere i tuoi diari di viaggio mi fa venire ancora più voglia di partire!!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Li faccio anche io, ne ho tanti davvero e uno più bello e ricco dell'altro ! :-)
    Concordo con lo Zio, e il suo riferimento alla scuola mi ha ricordato anche i diari che ci si riempiva reciprocamente alle elementari, come ricordo reciproco tra amiche. Li hai fatti? Io ho qualche anno in più di te ed era molto comune all'epoca. Con disegnate bambine, cuori, fiori e cose tipo "amiche per sempre" :-)

    RispondiElimina
  4. Oddio che meraviglia...ne vorrei vedere ancora... ^^

    RispondiElimina
  5. Anch'io quando viaggio conservo come te i biglietti dei mezzi di trasporto, dépliants, mappe e poi porto sempre con me un taccuino dove scrivo i luoghi che visito e le mie impressioni. Mi è piaciuto ripercorrere, attraverso i tuoi diari, alcune tappe dei tuoi viaggi. Certo che le tue sono state esperienze di vita che lasceranno un segno indelebile in te.Mi piacciono molto le copertine e la carta dei tuoi quaderni di viaggio.
    Continua a farci sognare con qualche altra pagina.....
    Serena nuova settimana.

    RispondiElimina
  6. vorrei avere il coraggio di fare la stessa cosa con i miei...
    a te grazie che mi lasci sempre appeso e con la bocca aperta a godere...

    RispondiElimina
  7. Ci ho provato anch'io in passato. mai andata oltre le prime pagine. Ma mai fatto viaggi lunghi e impegnativi come i tuoi. Grazie per aver condiviso il tuo modo spensierato e spontaneo di viverli.

    RispondiElimina
  8. Che meraviglia sbirciare nei tuoi diari di viaggio!
    Anche io li scrivo sempre, anche se a volte non li termino subito ma dopo esser rientrata già da un po'... cmq sono ricordi preziosissimi!
    audrey

    RispondiElimina
  9. Da qualche tempo ho cominciato anch'io a tenere dei diari, e devo dire che ogni volta mi fa un certo che ricordare le emozioni provate anche solo tramite una frase.
    Bellissimo post, davvero :) (lacrimuccia ripensando ai vari viaggi fatti in vita)

    E.

    RispondiElimina
  10. Hai dei ricordi davvero meravigliosi :)
    grazie per la visita e il commento ( anche se il post non era mio ).Ti ho aggiunta al blog roll.A presto :)

    RispondiElimina
  11. I diari di viaggio sono scrigni di valore infinito, una meraviglia!!!!Grazie per condividerli con noi e quante avventure meravigliose!!!Un abbraccio grande giramondo! Ciao, Barbara

    RispondiElimina
  12. e c'è anche il meraviglioso cioccolato che ho mangiato pure io grazie a teeeee!! :D CHE BELLO!! sono stupendi questi diari... sono incredibili! sprigionano creatività... vita! ognuno è unico e conserva il ricordo di un viaggio... bè che idea geniale!!! complimenti Mel... la tua collezione di avventure è sempre più bella e più ricca...

    RispondiElimina
  13. Anche io sono una conservatrice e tengo per ricordo ogni minimo scontrino, biglietto o altro oggetto di un viaggio... per i Diari mai scritti per pigrizia però ci provo ogni volta ma alla fine non concludo molto.... un vero peccato, invece i tuoi diari sono veramente molto belli e ricchi materiale molto prezioso che in qualche modo potresti anche sfruttare....

    RispondiElimina
  14. Anche io ho sempre un diario con me (se cosi'il mio si puo' chiamare) ma non e' bello ed ordinato come il tuo, anzi a dire il vero e' proprio unn gran casino. La mia scrittura sembra geroglifico antico che poche persone riescono ad interpretare in piu' quando penso scarabocchio sempre le parti bianche dei forgli come gli angoli etc. il risultato e' un vero e proprio pasticcio!! Ciao , Chrus

    RispondiElimina
  15. Ti adoro, cara amica viaggiatrice!!!

    RispondiElimina
  16. Splendido blog, sicuramente ci tornerò..

    ciao
    Giu

    RispondiElimina
  17. Splendidi diari di viaggio in grado di far tornare in quei posti te ma anche me, che non ci sono mai stata.
    Mi sono commossa per i bambini malati indiani, ho sentito a fior di pelle il fascino dell'India, ho assaporato l'Africa, i suoi colori e i suoi profumi...
    Sei una ragazza speciale, davvero!
    ...ma non sarai mica la nipote di Che Guevara?!? :-)

    RispondiElimina
  18. ...che bello curiosare tra i tuoi diari, zeppi zeppi do cose interessanti. Smak

    RispondiElimina
  19. Viaggi... fotografia... ricordi... pensieri... quante cose in un semplice post!

    (((CINEMAeVIAGGI)))

    RispondiElimina
  20. Grazie a tutti per i vostri bei commenti.

    Tiziana, Amos, Simo (quasi quasi ci credo davvero di essere la nipote uhauhauh), Giuliana, Maria, Chris, Paola, Giulia, Barbara Blackswan, Emanuele, AudreySuster, sqwerez, Erika, Emotionally, Zioscriba, Daniela e MInerva Jones: GRAZIE per aver commentato questo post ed aver raccontato qualcosa di voi :)

    RispondiElimina
  21. Sono finita qui dopo circa due anni dalla pubblicazione del post.Che meraviglia!Mi sono emozionata e divertita "sfogliando" i tuoi diari.Un abbraccio.

    RispondiElimina

Ogni commento è un raggio di sole.

Blog Archive

I MIEI LETTORI

VISITATORI DEL MONDO CAPOVOLTO

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *